Mac, Programmare accensione e spegnimento automatici




Programmare accensione e spegnimento automatici sul Mac

Come programmare accensione e spegnimento automatici sul tuo Mac

Programmare l’accensione e lo spegnimento automaticamente sul Mac, a prima vista può sembrare una funzione inutile tuttavia se sei qui probabilmente sei del mio avviso, tanto inutile non è, anzi vedrai che usandola imparerai ad apprezzarla.

Un esempio su com’è possibile sfruttare l’avvio e lo spegnimento automatico del Mac può essere l’impostare questa funzione su tutti i Mac della tua azienda per un dato orario di accensione precedente all’apertura e di spegnimento posticipata alla chiusura.

Ovviamente Programmare l’avvio e lo spegnimento automatico sul Mac ha molti altri usi legati alla medesima funzione.

Vediamo ora come attivare la Programmazione di avvio e spegnimento del Mac:

  • Accedi a Preferenze di Sistema
  • Vai su Risparmio Energia
  • Clicca su Programma
  • Scegli per che giorni e a che ora impostare l’avvio o lo spegnimento automatico sul tuo Mac

Tieni in considerazione che se il vostro Mac è un portatile, l’accensione automatica si avvierà solo se è collegato alla corrente elettrica (per motivi di risparmio energetico).

Spero che questo breve tutorial ti sia stato utile, a presto!
Se trovi utili le nostre guide, iscriviti ai nostri social o alla nostra newsletter per essere costantemente aggiornato in tempo reale sulle ultime pubblicazioni.




Mac, creare un PDF protetto da password




Creare un PDF protetto da password

Come creare un PDF protetto da password

La semplice Password del tuo profilo non ti basta? Temi qualcuno possa entrare sul tuo Mac e visionare i tuoi documenti importanti?

Presupponendo che tu li abbia già in formato .pdf, Mac ti mette a disposizione la possibilità di creare o renderei tuoi PDF protetti con password.

Vediamo ora com’è possibile creare i tuoi PDF protetti con password o renderli tali:

  • apri il file da proteggere con Password
  • vai su File > Stampa, clicca su PDF e seleziona Salva come PDF
  • scrivi il nome del file finale (o riscrivi lo stesso) e clicca su Opzioni di protezione
  • spunta le voci di protezione desiderate, inserisci la password per proteggere il tuo PDF e salva

Ovviamente la funzione di creare o rendere i PDF protetti con Password va ripetuta per ogni file che desideri proteggere.

Spero che questo breve tutorial ti sia stato utile, a presto!
Se trovi utili le nostre guide, iscriviti ai nostri social o alla nostra newsletter per essere costantemente aggiornato in tempo reale sulle ultime pubblicazioni.




Linux, impostare correttamente il blocco genitori




Blocco genitori su Linux Ubuntu

Come impostare correttamente il blocco genitori su Linux Ubuntu

Il Blocco Genitori non è semplicemente un modo di vincolare l’accesso ai propri figli ma anche ai tuoi dipendenti se hai un azienda o ad altri componenti della tua famiglia, ovviamente a tua discrezione.

Premetto che il Blocco Genitori ti consentirà di vincolare l’accesso a determinati siti web, impostare un orario di attività, quindi renderlo inaccessibile al di fuori di un determinato range orario o bloccare determinati programmi o categorie di programmi.

Vediamo ora come impostare il Blocco Genitori su Linux:

  • Accedi a Sistema
  • Procedi su Amministrazione
  • Entra su Utenti e Gruppi
  • Crea o seleziona l’account da vincolare
  • Seleziona Privilegi Utente (è fondamentale deselezionare Amministrazione di Sistema)
  • Impostare i vincoli da apportare

Se preferisci invece impostare il Blocco Genitori da Terminale Linux devi:

  • Aprire il Terminale
  • Digitare sudo add-apt-repositoryppa:webcontentcontrol/webcontentcontrol e premere invio
  • Digitare sudo apt-get update e premere invio
  • Digitare sudo apt-getinstallwebcontentcontrol e premere invio

Il pacchetto installato è avviabile da Terminale tramite il comando  sudo webcontentcontrol, dal quale potrai impostare i vincoli che ritieni più opportuno per le utente del tuo PC.

Spero che questo breve tutorial ti sia stato utile, a presto!
Se trovi utili le nostre guide, iscriviti ai nostri social o alla nostra newsletter per essere costantemente aggiornato in tempo reale sulle ultime pubblicazioni.




Linux, cambiare i suoni di avvio e spegnimento




Cambiare i suoni di avvio e spegnimento dei sistemi Linux

Come cambiare i suoni di avvio e spegnimento del tuo sistema Linux

Chi non ha mai pensato di cambiare i suoni di avvio e spegnimento di Linux perché fastidiosi, piuttosto che per personalizzare il proprio PC con sistema Linux oppure semplicemente per fare uno scherzo a un povero malcapitato.

Questa cosa è possibile e semplice da fare, esclusione fatta per la variante scherzo che non è propriamente lecita. Sta a tua discrezione far un uso adeguato di questa guida.

Vediamo ora come fare a cambiare i suoni di avvio e spegnimento di Linux:

  • Accedi a Sistema
  • Vai su Preferenze
  • Entra su Audio e clicca su Predefinita per far comparire il menù a tendina che presenterà le scelte PredefinitaDisabilitaPersonalizzato

Ovviamente per disattivare i suoni di avvio e spegnimento di Linux dovrai selezionare Disabilita, per modificare l’audio di avvio o di spegnimento di Linux devi selezionare personalizzato, invece Predefinita ti riporterà allo stato originale dei suoni di avvio e spegnimento di Linux.

Spero che questo breve tutorial ti sia stato utile, a presto!
Se trovi utili le nostre guide, iscriviti ai nostri social o alla nostra newsletter per essere costantemente aggiornato in tempo reale sulle ultime pubblicazioni.




Linux Ubuntu con stile Mac




Linux Ubuntu con stile Mac

Come cambiare tema e aspetto del Proprio Linux Ubuntu tramutandolo in un Mac

Ti piacerebbe avere un Mac ma costa troppo oppure preferisci rimanere al tuo buon Linux Ubuntu ma comunque vorresti provare l’ebrezza di avere un Mac tra le mani?

TI do una buona notizia, puoi apportare al tuo Linux Ubuntu lo stile del Mac. No, non a livello di case ma di tema.

Lo so, non è uguale a possedere un Mac con tutte le sue funzioni ma l’aspetto del tuo PC Linux cambierà radicalmente e se ha prestazioni abbastanza valide non noterai neanche troppa differenza da un Mac autentico.

Vediamo ora come vestire il tuo Linux Ubuntu con lo stile del Mac.

  • Per prima cosa installiamo Ubuntu Tweak, per farlo apri il Terminale e digita i seguenti comandi seguiti da invio
    • sudo add-apt-repositoryppa:tualatrix/ppa
    • sudo apt-get update
    • sudo apt-getinstallubuntu-tweak
  • Scarichiamo e installiamo ora il tema e le iconestile Mac digitando sempre da Terminale i seguenti comandi seguiti da invio:
    • sudo add-apt-repositoryppa:upubuntu-com/gtk+3.6
    • sudo add-apt-repositoryppa:upubuntu-com/icons2
    • sudo apt-get update
    • sudo apt-getinstall mountain-lion-themeilinux-icons

Ora non ti resta che aprire Ubuntu Tweak, e impostare sia il tema che il set di icone di Mac. Per farlo apri Ubuntu Tweak e accedi alla sezione tema per impostare quelle che hai appena scaricato tramite i comandi precendenti.

Bene, ci siamo quasi, ti manca solo l’installazione dell’indispensabile Dockbar del Mac. Apri il Terminale e digita sudo add-apt-repositoryppa:cairo-dock-team/ppa per installare la tua nuova Cairo Dock bar.

Ora potrai goderti a pieno il tuo nuovo Linux Ubuntu con stile Mac!

Spero che questo breve tutorial ti sia stato utile, a presto!
Se trovi utili le nostre guide, iscriviti ai nostri social o alla nostra newsletter per essere costantemente aggiornato in tempo reale sulle ultime pubblicazioni.




Linux Ubuntu su pendrive




Pendrive avviabile con Linux Ubuntu

Come creare una Pendrive avviabile con Linux Ubuntu

Molti di noi, sopratutto chi lavora spesso al PC ma deve comunque spostarsi di frequente, brama la possibilità di avere il proprio PC in versione “tascabile” pur non dovendo affrontare schermi di dimensione ridotta come quelli degli Smartphone.

La soluzione che vi propongo non è propriamente realizzare un PC “tascabile”, tuttavia ci avviciniamo abbastanza, vi spiegherò come creare una Pendrive avviabile o bootable con Linux Ubuntu.

Sono andato troppo veloce? Perdonami, ora ti spiego cos’è e a cosa serve una Pendrive avviabile con Linux Ubuntu.

In poche parole, installeremo un sistema operativo, in questo caso Linux Ubuntu, su una Pendrive USB. Inserendo questa Pendrive su qualunque PC e selezionandola dal boot Manager all’avvio del PC (ogni marca di PC ha la sua combinazione per accedere al boot Manager dal BIOS), ti permetterà di visualizzare il contenuto della tua Pendrive come se il PC ospite fosse il tuo PC, quindi caricando tutti i programmi caricati, tutti i tuoi dati (ovviamente quelli caricati utilizzando la Pendrive) e le tue impostazioni.

Premesso cos’è e a cosa serve una Pendrive avviabile con Linux Ubuntu o Pendrive Bootable, se preferite, vediamo come crearla.
Creare una Pendrive avviabile con Linux Ubuntu non è difficile, devi solo avere pazienza e seguire attentamente questa guida.

Innanzitutto devi procurarti una Pendrive da 4GB o superiore (meglio se superiore) e devi creare un CD di installazione di Linux Ubuntu, meglio se della versione più recente o LTS.

Accendiamo il PC e inseriamo il CD di installazione Linux Ubuntu appena creato, inseriamo ora la Pendrive ove si desidera installare il sistema operativo Linux Ubuntu e procediamo.

All’accensione del PC ti apparirà la scermata di BIOS, accedi al al boot Manager. Come accennato in precedenza ogni marca di PC ha la sua combinazione per accedere al Boot Manager, spesso visibile dal BIOS all’avvio.
Ora che siamo nel Boot Manager, seleziona il CD di installazione di Linux Ubuntu, procedendo con i vari passaggi d’installazione, sino ad arrivare alla selezione della partizione.

Mi raccomando di porre massima attenzione su questo passaggio e selezionare la Pendrive in ambedue gli spazi di selezione, rischi di Formattare il PC ospite.
Selezionata la partizione corretta, procediamo con gli ultimi passaggi dell’installazione, da qui in poi non si corrono rischi.

Dopo circa 30 minuti avrete la vostra Pendrive avviabile con Linux Ubuntu.

N.B. leggere attentamente tutti i passaggi onde evitare errori fatali (ad esempio la formattazione accidentale del vostro PC).

Spero che questo breve tutorial ti sia stato utile, a presto!

Se trovi utili i nostri tutorials, iscriviti ai nostri social per essere aggiornato in tempo reale sulle nostre pubblicazioni.




utilizzare programmi Windows su Linux




Wine – Utilizzare programmi Windows su Linux

Come utilizzare software Windows su Linux con Wine

Per i molti utilizzatori di Linux e delle sue distribuzioni, spesso e volentieri ci sono programmi alternativi a quelli di Windows che emulano le loro capacità, anche se in alcuni casi non riescono ad eguagliarli.

Nel caso tu necessiti di utilizzare programmi Windows su Linux, sia esso Ubuntu, Mint, Fedora, ecc, devi solamente seguire alla lettera questa breve guida, in pochi minuti potrai far girare i tuoi programmi Windows su Linux.

Premesso ciò, passiamo alla pratica, ciò di cui necessiti è Wine, un emulatore di programmi Windows.

Lo si può scaricare direttamente dal Software center, oppure da terminale, per i più smanettoni.
Nel primo caso, dal Software Center, devi solo cercare Wine e cliccare installa, fornita la password di amministratore dovrai attendere pochi istanti. Nel secondo caso, da terminale, devi accedere al Terminale e digitare sudo apt-get install wine.

Terminata l’installazione sei pronto per utilizzare i tuoi programmi Windows su Linux.

Vediamo ora come utilizzare Wine e installare un programma Windows.
Per installare un software Windows (.exe), è sufficiente cliccare con il tasto destro del mouse sul file.exe e selezionare “Apri con altra applicazione” e selezionare Wine, oppure accedere al terminale e digitare wine nomedelprogramma.exe.
I programmi per Windows installati li si potrà poi trovare all’interno di Wine.

N.B. Non tutti i programmi Windows sono in grado di girare in ambienti Linux e Non tutti hanno le autorizzazioni per girare in ambienti diversi da Windows (ad es. Microsoft Office).

Spero che questo breve tutorial ti sia stato utile, a presto!

Se trovi utili i nostri tutorials, iscriviti ai nostri social per essere aggiornato in tempo reale sulle nostre pubblicazioni.




creare un profilo LinkedIn perfetto




Creare un profilo Linkedin perfetto

Come creare un profilo Linkedin perfetto

In molti pensano che i Social Network non abbiano una loro utilità, e alcuni ancora non si fidano di uno dei più potenti strumenti Social per la ricerca lavoro e dipendenti che è Linkedin.

Amici, sbagliate se la pensate così, volenti o nolenti i Social Network sono il futuro e servizi come quello di Linkedin può davvero aiutare chi cerca lavoro, collaboratori o professionisti.

Ovviamente chiunque può iscriversi su Linkedin, gratuitamente o a pagamento, a seconda del proprio interesse, tuttavia in ambo i casi se il profilo non è ben creato o sufficientemente curato, verremo ignorati da aziende e professionisti.

Vediamo dunque come creare un profilo Linkedin perfetto, anche utilizzando la versione gratuita.

  • Da evitare assolutamente nickname o abbreviazioni, il tuo nome per esteso è una garanzia di professionalità.
  • La foto del profilo dev’essere innanzitutto una foto ben fatta, se possibile professionale e se ha il formato di fototessera ti farà guadagnare punti in professionalità e serietà, ricorda che questo profilo sarà un tuo Curriculum Vitae.
  • come intestazione o descrizione veloce utilizza delle parole o frasi chiave inerenti a cosa ti occupi o vuoi/sai fare, cercando di essere il più accattivante possibile.
  • Ottimizza l’url del tuo profilo rendendola il più pulita possibile.
  • Contatti, maggiori sono le possibilità di contattarti, maggiori sono le possibilità di ricevere proposte interessanti, scrivi sia numero di telefono, sia e-mail e aumenta le tue possibilità.
  • Il riepilogo dev’essere breve ma conciso, il più ricco di parole chiave possibile. Tieni presente che le parole chiave sono quelle parole con le quali vuoi essere trovato su Linkedin o addirittura su Google.
  • Contenuti interesanti e progetti, se hai seguito o sviluppato progetti, hai un sito Web, una tua descrizione video, aggiungila al tuo profilo, più cose puoi dimostrare, più verrai preso sul serio.
  • Aggiungi tutte le tue esperienze lavorative utilizzando possibilmente parole chiave e, dove possibile, chiedi di essere segnalato da persone che possono garantire le tue capacità e il tuo impegno.
  • Ove possibile aggiungete esperienze di volontariato.
  • Sii il più chiaro possibile nella compilazione del tuo titolo di studio e nei corsi che hai frequentato, indicando eventuali premi e riconoscimenti.
  • Completa la sezione competenze con tutto ciò che sai fare, cercando di stare il più possibile inerente al tema professionale del tuo profilo e del tuo target,
  • Ultimo ma non ultimo, le persone con pochi contatti vengono spesso ignorate perché risultano poco popolari o poco interessate ad aggiornare il loro profilo, cerca amici, compagni di scuola, colleghi o altro e arricchisci la tua cerchia di amicizie, inoltre dovresti seguire gruppi e aziende nel tuo settore o inerenti ai tuoi interessi, se vuoi un paio di collegamenti in più, clicca di seguito sui nostri nomi e aggiungici come amici Profilo di Marco, Profilo di Simone, inoltre puoi seguire anche Hi-tech Mind come azienda, cliccando sul nome, oppure sul logo in alto alla pagina.

Se segui questa guida potrai vantare un profilo molto forte che potrà portarti molte novità interessanti. Ricorda tuttavia di aggiornarlo costantemente, altrimenti i tuoi sforzi potrebbero vanificarsi.

Spero che questo breve tutorial ti sia stato utile, a presto!

Se trovi utili i nostri tutorials, iscriviti ai nostri social per essere aggiornato in tempo reale sulle nostre pubblicazioni.




usare il proprio PC come print server




Usare il proprio PC come Print Server

Come Stampare da più PC senza staccare il cavo della stampante

Può capitare, se non si ha una stampante Wi-Fi, di avere la necessità di stampare da un PC ove la tua stampante locale non è installata e collegata.

In questi casi molti perdono tempo a passare su Pendrive i file da stampare o peggio, si mettono a scollegare la stampante per ricollegarla e installarla sul PC contenente il file.

Palese dire che questa soluzione è scomoda e fa perdere tempo, tuttavia se segui questa guida potrai evitare questa noia e stampare comodamente da qualunque PC sulla tua stampante locale senza doverla spostare o scollegare.

Innanzi tutto hai bisogno che entrambi i PC siano collegati a internet.

Vediamo la configurazione per creare il tuo print server. Se la stampante è già installata, devi solamente accedervi dal PC ove è installata (su Windows “Dispositivi e Stampanti”) e condividerla. Se invece la stampante non è ancora installata, scelto il PC ove lasciarla collegata, segui tutti i passaggi di installazione per poi, alla voce condividi, aggiungere la spunta e condividerla.

Arrivati fin qui, abbiamo quasi finito. Ora prendi carta e penna e segnati il nome del tuo PC (su Windows Pannello di Controllo > Sistema > Nome Computer).

Fatto ciò, accedi all’altro o agli altri PC dove vuoi abilitare la funzionalità di stampa, accedi a \NomeDelTuoComputer (mi raccomando di usare il Back Slash davanti al nome computer), per poi cliccare sull’icona della tua stampante (dovrai avere i privilegi di amministratore per installarla), in automatico verranno installati i driver della stampante sul tuo PC e potrai comodamente inviare le tue stampe senza dover più fare fatica.

Spero che questo breve tutorial ti sia stato utile, a presto!

Se trovi utili i nostri tutorials, iscriviti ai nostri social per essere aggiornato in tempo reale sulle nostre pubblicazioni.




aprire più pagine all’avvio di Safari




Aprire più pagine all’avvio di Safari

Come aprire più pagine contemporaneamente con Safari


Alcuni di noi necessitano di aprire più pagine contemporaneamente con il proprio Browser, sia per comodità, sia per necessità lavorativa.

Vediamo come aprire più pagine contemporaneamente con Safari.

Accedi a Preferiti, seleziona “Aggiungi cartella ai preferiti” e crea una cartella tra i preferiti e aggiungi al suo interno i siti Web che vuoi far aprire contemporaneamente all’avvio di Safari, facendoli diventare preferiti (Preferiti >Aggiungi preferito).

Vai su Safari> Preferenze > Generale > Apri nuove finestre e selezioni Cartella Pannelli impostando la Cartella di preferiti che hai appena creato.

Spero che questo breve tutorial ti sia stato utile, a presto!

Se trovi utili i nostri tutorials, iscriviti ai nostri social per essere aggiornato in tempo reale sulle nostre pubblicazioni.




Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra ... maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi