Web Marketing

Come sviluppare un sito web efficace – parte 1

IL-SITO-WEB-EFFICACE

Con questo articolo vorremmo farti capire che c’è una bella differenza tra avere un sito web efficace, ossia che porti un concreto ritorno di investimento alla tua attività, e averne uno giusto per essere online (perchè online ci sono tutti, mica si può essere da meno).

Ti serve veramente un sito web?

Probabilmente la mia risposta ti lascerà spiazzato ma… 

No. Non ti serve per forza un sito web. 

Per esempio, se hai appena aperto la tua attività e le finanze non ti permettono di investire subito in un sito web professionale, piuttosto che presentarti online ai tuoi potenziali clienti con una ciofeca o pensare di poterti creare un sito web in autonomia con qualche tool online (vedi questo articolo dove parliamo di Wix) rinuncia inizialmente e fai il possibile per poter fare l’investimento il prima possibile: la tua attività ne trarrà sicuramente più profitto. Se invece hai già una struttura aziendale organizzata, oppure hai la possibilità economica di rivolgerti a un professionista, il mio consiglio è di farlo fin da subito. 

Perchè un sito web è fondamentale per la tua attività

Hai presente negli anni 80 e 90, quando le aziende per farsi conoscere facevano quelle terribili telefonate a freddo oppure mandavano casa per casa i loro rappresentanti per proporre i prodotti? Si lo so, qualcuno lo fa ancora oggi! Ecco…pensa a come ti senti quando accade a te: ti infastidiscono. Anche se il loro prodotto (o la loro offerta) potesse interessarti, gli sbatteresti la porta in faccia a prescindere, perchè:

  1. Non li conosci
  2. Non hai tempo da perdere
  3. Hanno invaso la tua privacy per parlarti di una cosa che non ti interessa

Ecco perché la tua attività ha bisogno di un sito web efficace: perché i tuoi potenziali clienti, se non vengono guidati attraverso un processo conoscitivo di ciò che fai, ti sbatteranno la porta in faccia.

Non puoi fare come quei venditori porta a porta, imponendo la vendita dei tuoi prodotti a tutti indistintamente, senza prima far sapere al tuo pubblico chi sei, cosa fai, per chi lo fai e come lo fai.

Questo processo conoscitivo si chiama FUNNEL (clicca qui per leggere cosa dice Wikipedia, purtroppo solo in inglese), forse ne avrai già sentito parlare anche in altri ambiti di marketing, ed è applicabile (anzi…dovresti proprio applicarlo!) anche al tuo sito web.

Il funnel del sito web efficace

Il processo conoscitivo della tua attività da parte del pubblico (e quindi dei potenziali clienti) si articola in tre fasi ben precise all’interno del cosiddetto funnel (imbuto):

    1. AWARENESS (Conoscenza): è la parte più alta e larga del funnel. In termini di sito web si traduce con la semplice esistenza del sito all’interno del web, quindi alla possibilità di essere trovati da potenziali clienti che stanno cercando online un determinato prodotto/servizio offerto anche dalla tua azienda. In questo modo, il pubblico viene a conoscenza della tua esistenza, ma ancora non sa chi sei e come potresti aiutarlo.
    2. CONSIDERATION (Considerazione): è la parte centrale del funnel. Il potenziale acquirente, dopo aver sviluppato la consapevolezza di ciò che esiste sul mercato e come viene offerto, confronta caratteristiche e prezzi di un numero ristretto di prodotti o brand.
    3. CONVERSION (Conversione): rappresenta la parte finale del funnel. E’ il momento in cui il potenziale cliente diventa un cliente vero e proprio, scegliendo di acquistare il tuo prodotto/servizio tra tutti quelli che aveva preso in considerazione. Nel sito web una conversione può essere l’acquisto diretto da e-commerce oppure la compilazione di un format di dati per poter essere ricontattati.

Come far funzionare veramente un sito web

Prima ancora di progettare il tuo sito web efficace, dovresti fermarti un attimo e porti delle domande relative alla tua attività, in modo tale da riuscire a creare un sito che sia in grado di raccontare perfettamente ciò che fai alle persone giuste.

Come per ogni progetto, anche un sito web deve avere delle basi su cui lavorare per poter raggiungere l’obiettivo finale.

Le basi del sito web efficace

Quali sono quindi le domande che ti devi porre?

    1. Qual’è la tua nicchia di mercato: chi sono i tuoi potenziali acquirenti? A quali persone si rivolge il tuo prodotto/servizio? In questo modo troverai il giusto tone of voice da utilizzare nei testi e le informazioni più importanti da riferire
    2. Cosa può fare la tua attività per la tua nicchia di mercato? In che modo puoi risolvere quel determinato problema/necessità dei tuoi potenziali acquirenti?
    3. Come può la tua attività aiutare quella determinata nicchia? Ossia quali sono i servizi/prodotti offerti e perchè il pubblico dovrebbe scegliere proprio i tuoi e non quelli dei tuoi competitors?
    4. CTA (Call to Action): cosa vuoi che faccia il potenziale acquirente una volta approdato sul tuo sito e compreso che il tuo prodotto fa per lui? Vuoi che ti contatti al telefono oppure che ti invii una mail? Faglielo sapere con una CTA!
    5. Hai dei case study da presentare ai tuoi potenziali acquirenti? FALLO! Inseriscili nel tuo sito come prova del tuo lavoro (NB: non sto parlando di review)

Conclusioni

Non partire subito a razzo: prendi un bel foglio bianco e soprattutto ritagliati qualche ora di tempo dove tu possa tranquillamente fare mente locale e riorganizzare le idee.

Prova a seguire lo schema che abbiamo descritto qui sopra e a rispondere a tutte le domande; riempi per bene quel foglio (vedrai che diventeranno fogli!) e poi….

Ci vediamo alla prossima puntata, dove ti spiegheremo, nella pratica, come strutturare un sito web efficace!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *